Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Continua.

Una ghirlanda di buon augurio

Per le festività del Natale e di fine anno è tradizione preparare ghirlande da appendere alle finestre o alla porta di entrata, beneauguranti per i passanti e per chi viene in visita. Come simbolo di prosperità e serenità possono anche trovare posto all’interno della casa, decorando angoli della stanza o la tavola stessa delle feste.

● Le ghirlande  classiche, rispettose della tradizione nordica, sono fatte intrecciando ramoscelli freschi di pino o abete, agrifoglio, pungitopo e rosmarino: si pensava che queste piante  potessero tenere  lontani gli spiriti malvagi e proteggere  la casa.

● Oltre che con le fronde dei sempreverdi, la ghirlanda di buon augurio può essere composta con elementi essiccati o artificiali.

Nei garden center più forniti potete  trovare ghirlande già pronte di ogni dimensione e foggia: di midollino o rami secchi intrecciati, di fiori di erica, di foglie e bacche, di corteccia di betulla ecc.

● Le ghirlande sono bellissime semplici, così come vengono proposte all’acquisto  con i colori e le forme date dalla natura, ma diventano splendide se decorate con palline colorate,  nastri, fiocchetti, piccoli oggetti tipici dell’artigianato nordico e quant’altro  la fantasia suggerisce.

● Se appendete una ghirlanda, valutate correttamente la sua dimensione e fattura: è fondamentale che la composizione con cui viene decorata riguardi solo la “faccia” rivolta a chi osserva e che la distribuzione degli elementi sia equilibrata tra sopra e sotto, tra destra e sinistra. La ghirlanda va appesa o appoggiata su uno sfondo di colore neutro che la faccia risaltare  e la incornici.

La  ghirlanda dell’Avvento

Una tradizione  nordica prevede che in attesa  del Natale, le quattro domeniche precedenti, ci si prepari  alla festa  accendendo una dopo l’altra, domenica dopo domenica, quattro  candele, che esprimono  il desiderio  dell’“Avvento”, cioè della venuta   del Messia.  Le candele  sono  sorrette da una ghirlanda che può essere appesa al soffitto o poggiare sul tavolo. Per prepararla  con le proprie mani procuratevi  filo di ferro grosso e sottile,  nastro  adesivo marrone, ramoscelli freschi di abete, 4 candele rosse, pigne, fiocchetti e decorazioni.

• Con il filo di ferro robusto modellate un cerchio di circa 30-35 cm di diametro e rivestitelo con il nastro  adesivo.

• Aiutandovi con il filo di ferro sottile distribuite ramoscelli di abete fresco lungo la circonferenza del cerchio, in modo da formare  una ghirlanda folta  e compatta.  Legate alla base di ciascun ramoscello una pigna.

• Disponete le 4 candele rosse in quattro punti equidistanti della ghirlanda. Fissatele con cura e fate  in modo di evitare  che la loro fiamma entri  in contatto con gli elementi decorativi (badate poi a spegnere le candele ogni volta che vi allontanate  dalla stanza).

• Rifinite la corona con fiocchetti e altri elementi decorativi.

Contatti

FLOVER S.r.l.
Sede legale: Via Pastrengo, 14
37012 Bussolengo
Verona
Italia

Capitale sociale € 10.845,60 i.v
Numero REA - VR - 218289
Codice Fiscale 02109450235
Partita Iva IT 02109450235

info@flover.it

floversrl@floverpec.it

Iscrizione alla newsletter

Garden Team

Associazione Italiana Centri Giardinaggio