Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Continua.

Il geranio

Il più popolare e diffuso dei fiori da balcone e giardino è di origine sudafricana. Facile e robusto, fiorisce continuamente per diversi mesi e, se protetto in inverno, sopravvive per 2-3 anni e più; si moltiplica con facilità per talea (cioè mettendone un rametto a radicare in terriccio sabbioso).

- Esistono diversi tipi di geranio (Pelargonium). Il geranio zonale è quello classico, con foglie profumate e leggermente pelose; ama il sole ma le temperature estive molto alte ne rallentano la fioritura. I gerani edera e parigini, adatti a cassette e vasi appesi, hanno portamento ricadente e buona resistenza al sole e alla siccità. I gerani imperiali, dal fiore molto bello, sono i più delicati e la fioritura è più breve. I gerani a foglia profumata hanno fiori poco interessanti, ma emanano fragranze squisite.
- Il geranio è venduto in piccoli vasi di plastica o cotto: è indispensabile trasferire al più presto l’esemplare in un vaso di terracotta o plastica più capiente, con un fondo drenante (palline di argilla o ghiaia) e buon terriccio, meglio se del tipo specifico. Non va messo subito in pieno sole, bensì abituato gradualmente a una esposizione soleggiata.
- Il geranio, se esposto al sole e al vento, va irrigato quotidianamente o a giorni alterni, possibilmente di mattina. La concimazione va effettuata ogni 8-12 giorni da maggio a metà luglio, poi ogni 15 giorni fino a settembre per sospenderla con l’arrivo dell’autunno. La pronta asportazione delle foglie secche e dei fiori appassiti agevola la formazione di nuovi boccioli. Da metà ottobre fino a metà aprile va ritirato in ambiente luminoso e fresco (intorno ai 10-15 °C).

 

Da cosa difenderli

- Il verme del geranio provoca seri danni bucherellando il fogliame e scavando gallerie nei fusti, che anneriscono e seccano. Va combattuto ai primi segnali con un insetticida, meglio se biologico, ripetendo il trattamento ogni 15 giorni.
- Il moscerino bianco si diffonde con clima umido e afoso: oltre al trattamento insetticida occorre migliorare la circolazione dell’aria intorno alle piante e la loro esposizione al sole.
- Il marciume radicale è provocato da ristagno di acqua nel suolo; si manifesta con un rapido indebolimento vegetativo. Va evitato assicurando un buon drenaggio. Ricordate sempre che se dopo 30 minuti dall’irrigazione l’acqua fuoriuscita dai fori di fondo del vaso non è stata assorbita, va eliminata.

Contatti

FLOVER S.r.l.
Sede legale: Via Pastrengo, 14
37012 Bussolengo
Verona
Italia

Capitale sociale € 10.845,60 i.v
Numero REA - VR - 218289
Codice Fiscale 02109450235
Partita Iva IT 02109450235

info@flover.it

floversrl@floverpec.it

Iscrizione alla newsletter

Garden Team

Associazione Italiana Centri Giardinaggio