Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Continua.

Come realizzare un bel manto erboso

Il prato è fondamentale in ogni giardino, piccolo o grande che sia, e offre benefici importantissimi per l’ecosistema. Un’area erbosa di 60 mq crea quotidianamente la quantità di ossigeno necessaria a un uomo e, in estate, la sua superficie ha una temperatura da 6 a 10 gradi inferiore a quella di un’area pavimentata all’ombra. Svolge inoltre un’importante funzione di raccolta dell’acqua piovana che, filtrata dalla zolla erbosa, viene assorbita in profondità dal suolo e convogliata nelle falde idriche sotterranee.

Prato ornamentale all’inglese o rustico?

-Il tappeto ornamentale all’inglese, se ben curato, ha un elevato valore estetico e un allegro colore verde brillante. Di contro, per restare in buone condizioni richiede cure pressoché quotidiane. Tollera male il calpestio, i giochi dei bambini, la presenza di animali domestici. Nella sua composizione prevalgono le graminacee dagli steli molto fini, che conservano la bellezza solo se il prato è mantenuto basso e folto. Si addice, quindi, a chi il prato piace guardarlo e goderne l’effetto, ma lo frequenta poco ed è disposto a dedicargli un tempo e un’energia considerevoli.
- Ben diverso è il discorso dei prati “rustici” o da gioco: il loro aspetto è meno impeccabile e pregiato, ma tollerano il calpestio (quindi si possono “vivere”), hanno buona resistenza a occasionali periodi di siccità e richiedono minore manutenzione.
- Il miscuglio di sementi adatto alle proprie esigenze va scelto sia in funzione del tipo di prato (all’inglese o rustico), sia in base a clima, esposizione e tipo di suolo del giardino; in commercio esistono miscele specifiche, adatte a qualunque tipo di esposizione e a diverse tipologie di terreno. Nei climi caldi e dove non è assicurata un’irrigazione frequente e regolare, conviene optare per miscugli di semi resistenti alla siccità: sono composti prevalentemente da gramigna (Cyonodon dactylon), resistente anche alla salinità, e festuca (Festuca arundinacea). Nei climi molto freddi, danno invece buoni risultati i miscugli da prato con prevalenza di poa (Poa pratensis).

Un manto erboso di facile cura
Qui di seguito elenchiamo alcuni criteri fondamentali che garantiscono all’interno del giardino la creazione di una zona a prato di facile gestione e risultato ottimale.

- Prima di seminare, occorre decidere la sagoma che avrà la superficie erbosa all’interno dello spazio giardino. È bene semplificare la forma: curve e sagomature migliorano l’estetica, ma comportano qualche difficoltà in più in termini di manutenzione.
- Effettuate la semina in condizioni climatiche fresche e umide: primavera o autunno sono i periodi consigliati, perché in queste stagioni la germinazione e la radicazione sono più rapide e omogenee. La semina autunnale, rispetto a quella primaverile, presenta un vantaggio importante: il prato avrà tempo di infoltirsi, lo sviluppo di eventuali erbe infestanti sarà rallentato dal freddo e, quando tornerà la bella stagione, il manto sarà già decorativo e calpestabile.
- Soprattutto agli inizi, può essere utile tenere un “diario del prato”, per programmare gli interventi di concimazione e manutenzione (arieggiatura, trattamenti antimuschio, frequenza e altezza dei tagli ecc.). Le concimazioni, indispensabili e regolari nei primi due anni, potranno essere diradate in seguito, quando il manto erboso si sarà ormai ben insediato.
- Per una corretta manutenzione è fondamentale mantenere sotto controllo lo sviluppo delle malerbe a foglia larga: si tratta di specie a rapido e vigoroso sviluppo, che entrano in competizione con le erbe prative per l’assorbimento di acqua e nutrimento. Per contrastarle si utilizzano prodotti diserbanti selettivi che, se correttamente somministrati, non danneggiano il manto erboso. I periodi indicati per l’intervento sono la primavera e l’autunno. 

L’irrigazione automatica: prato più sano e meno sprechi idrici

Prima di procedere alla creazione del prato occorre preparare per tempo il terreno, che va innanzitutto accuratamente liberato dalle infestanti. Il substrato ideale per la semina di un manto erboso è leggero, fertile e ben drenato. ? Qualora il suolo del vostro giardino sia pesante e argilloso, c’è il rischio di ristagni idrici radicali, dannosi per la salute e la bellezza del prato. Inoltre, nei periodi caldi la superficie di un suolo argilloso forma una crosta impermeabile percorsa da crepe: l’acqua, invece di essere assorbita superficialmente in modo omogeneo, vi scorre attraverso perdendosi subito in profondità. Conviene quindi migliorare i terreni pesanti apportando grandi quantità di terriccio specifico per manto erboso, composto da torba fine (che alleggerisce il suolo), sabbia (per migliorare il drenaggio) e sostanza organica (per nutrire le giovani radici in formazione). Il verde brillante di un manto erboso ben curato è un valore importante per il giardino.

Migliorare il terreno prima della semina

Prima di procedere alla creazione del prato occorre preparare per tempo il terreno, che va innanzitutto accuratamente liberato dalle infestanti. Il substrato ideale per la semina di un manto erboso è leggero, fertile e ben drenato. ? Qualora il suolo del vostro giardino sia pesante e argilloso, c’è il rischio di ristagni idrici radicali, dannosi per la salute e la bellezza del prato. Inoltre, nei periodi caldi la superficie di un suolo argilloso forma una crosta impermeabile percorsa da crepe: l’acqua, invece di essere assorbita superficialmente in modo omogeneo, vi scorre attraverso perdendosi subito in profondità. Conviene quindi migliorare i terreni pesanti apportando grandi quantità di terriccio specifico per manto erboso, composto da torba fine (che alleggerisce il suolo), sabbia (per migliorare il drenaggio) e sostanza organica (per nutrire le giovani radici in formazione).

Contatti

FLOVER S.r.l.
Sede legale: Via Pastrengo, 14
37012 Bussolengo
Verona
Italia

Capitale sociale € 10.845,60 i.v
Numero REA - VR - 218289
Codice Fiscale 02109450235
Partita Iva IT 02109450235

info@flover.it

floversrl@floverpec.it

Iscrizione alla newsletter

Garden Team

Associazione Italiana Centri Giardinaggio